Connect with us

Guide di viaggio

Il mistero irrisolto delle rovine di Gedi

Published

on

Gedi ruins - monuments, museums, sightseeing

A circa 10 miglia a sud di Malindi, si trova uno dei siti più preistorici del Kenya. Anche se non ci sono prove concrete, si ritiene che la città sia stata fondata alla fine del 13° secolo e la maggior parte dei suoi edifici sono ancora forti fino ad oggi. Gedi era forse la città più prospera di questa regione costiera del Kenya e la natura avanzata dell’insediamento vi abbaglierà sicuramente e vi lascerà a chiedervi come la gente in passato sia riuscita a sviluppare una città in questo modo. Ancora oggi ci sono molte case di mattoni di corallo, un palazzo e una splendida moschea, a indicare che la maggior parte degli abitanti di questa città erano musulmani. Era abitata da poche migliaia di swahili e governata da un sultano molto ricco.

Dalla riscoperta di questa antica città negli anni ’20, Gedi è stata la città più intensamente scavata e ha studiato il sito preistorico e, attraverso un’attenta conservazione, la maggior parte delle fondamenta originali si possono trovare ancora oggi. Gli archeologi hanno trovato vasi cinesi Ming, perline, monete, vetri veneziani e altri manufatti provenienti da tutto il mondo, un chiaro segno che gli abitanti di questa città commerciavano pesantemente con culture diverse al di fuori della loro, creando una città incredibile.

Gedi ruins 5 - Il mistero irrisolto delle rovine di Gedi

Questa città storica aveva attorno a sé due mura che probabilmente servivano a mantenere le barriere sociali – la mura interne erano dove vivevano i ricchi, le mura esterne avevano case per la classe media, e fuori le mura erano dove vivevano i contadini. Tutti gli edifici superstiti di Gedi sono quelli costruiti con pietre di corallo estratte dall’Oceano Indiano. All’interno del muro interno, ci sono due moschee, un palazzo, quattro grandi case e quattro grandi pilastri. Questo muro racchiude anche altre quattro case e altre tre moschee.

READ  Come viaggiare con i bambini

Gedi ruins 3 300x300 - Il mistero irrisolto delle rovine di Gedi

Subito dopo il muro esterno, c’è una moschea. Una passeggiata attraverso le Rovine di Gedi vi mostrerà che la città era una città avanzata, con acqua corrente, servizi igienici di risciacquo e strade ben organizzate disposte secondo un modello a griglia che collegava diverse parti della città. Un pozzo profondo 50 metri, ancora oggi percettibile, si ritiene che abbia fornito l’acqua che veniva usata principalmente per le abluzioni prima di intraprendere le preghiere.

 

Sebbene un tempo fosse una prospera città swahili che ospitava una popolazione avanzata e benestante, la città fu misteriosamente abbandonata all’inizio del XVII secolo e il mistero sul perché e sul come sia stata abbandonata rimane ancora irrisolto.

We endeavor to keep our content True, Accurate, Correct, Original and Up to Date.If you believe that any information in this article is Incorrect, Incomplete, Plagiarised, violates your Copyright right or you want to propose an update, please send us an email to info@malindians.com indicating the proposed changes and the content URL(link). Provide as much information as you can and we promise to take corrective measures to the best of our abilities.

Komzinski è assistente di ricerca e monitoraggio presso il Northern Rangelands Trust (NRT). Si diverte a stare all'aria aperta e a viaggiare. Quando non viaggia, Athuman si diverte a fare volontariato presso l'unità locale di gestione delle spiagge, a giocare a calcio e a codificare insieme agli amici che pianificano il loro prossimo progetto di avvio tecnologico.

Comments

Trending

Bloggers Association of Kenya Tracker
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: